benefici spirituali della salvia sclarea: scopri le meraviglie!

mm
By: David Crow
Plant medicine pioneer, acupuncturist, Ayurvedic practitioner, & aromatherapy expert David Crow, L.Ac. In 1984, he received his diploma first from American College of Traditional Chinese Medicine. ...

Benefici spirituali della salvia sclarea | Millecinquecento anni fa, Padmasambhava, il mistico indiano che portò il buddismo in Tibet, profetizzò le difficili difficoltà che avrebbero afflitto le società durante il Kali Yuga.

Tra le sue numerose e accurate previsioni su questa Età Oscura c’era quella che le persone non sarebbero state in grado di dormire.

Sono finiti i tempi in cui le uniche luci della notte sono le stelle, la luna e il fuoco da campo. Quando gli unici suoni sono quelli della pioggia, dei ruscelli, dei coyote e degli uccelli notturni.

Oggi, la vibrazione dei suoni della città e i campi elettromagnetici si mescolano con i nostri nervi sovrastimolati e la glicemia instabile, producendo sogni inquietanti e un sonno di scarsa qualità.

Quali sono gli usi e le proprietà curative degli oli essenziali di Salvia Sclarea? – Salvia sclarea benefici spirituali

Un’epidemia di insonnia e i sintomi associati di depressione e ansia affliggono una grande percentuale della popolazione e milioni di persone sono dipendenti da farmaci tossici per il trattamento di questi problemi.

Dalla quiete delle alte montagne del Mediterraneo arriva una pianta dai bellissimi fiori rosa lavanda che assomigliano a cigni a forma di cuore, che offre il suo olio aromatico come antidoto alla sofferenza della stanchezza agitata.

La salvia sclarea (Salvia sclarea) deriva il suo nome latino dalla parola clarus, che significa “chiaro”; un tempo l’erba era chiamata “occhio chiaro”, perché un lavaggio mucillaginoso fatto con i suoi semi veniva usato per pulire e illuminare gli occhi.

Oggi possiamo pensare all’olio essenziale di questa erba come a un olio che ci dona occhi chiari al risveglio da un sonno sereno e sogni tranquilli.

La salvia sclarea non deve essere confusa con le sue parenti dei deserti del sud-ovest.

La maggior parte delle salvie, come la salvia bianca, usata per gli incensi cerimoniali e per le macchie, ha effetti stimolanti ed energizzanti, mentre la salvia sclarea produce ringiovanimento grazie ai suoi poteri calmanti, antispastici e rilassanti.

I benefici e gli effetti spirituali della salvia sclarea possono essere compresi esaminando la sua composizione chimica un po’ insolita: insieme alla lavanda, è uno dei pochi oli essenziali con un’alta percentuale di esteri – molecole bioattive delicate con proprietà antinfiammatorie, di equilibrio endocrino e di ripristino del sistema nervoso.

La somiglianza chimica con la lavanda rende questi due oli un’eccellente combinazione terapeutica.

L’olio essenziale di salvia sclarea è un liquido da incolore a giallo pallido con un aroma unico. Dolce ed erbaceo, è morbido con un sottotono agrodolce.

Ha una persistenza che i profumieri descrivono come tabaccosa, balsamica o di tè. Il suo aroma è stato anche paragonato alla rosa canina e alla camomilla marocchina.

La salvia sclarea ha un aroma molto caratteristico e inconfondibile, ma sarebbe difficile per qualcuno che non sia un “naso” esperto descrivere accuratamente le sue complessità multistrato e vinose.

Per coloro che si svegliano con gli occhi lucidi dopo una notte di sonno ristoratore e sogni curativi, è l’aroma della soddisfazione.

Spiritual benefits of clary sage bottle

La salvia sclarea ama crescere alla luce del sole, ma ironicamente lavora per guarire le profondità oscure della nostra mente inconscia.

Oltrepassando le barriere dei pensieri abituali che ci fanno girare e rigirare quando dovremmo dormire, la sua misteriosa fragranza si diffonde dal cuscino nei recessi nascosti del cervello, favorendo un sonno profondo e sogni vividi.

Anche se i sogni colorati possono riempire il cielo notturno interiore, ci svegliamo rinfrescati, con l’energia ringiovanita.

Il nostro spirito trova ristoro nel gioco della libertà astrale, al di là delle preoccupazioni confinanti di questo mondo. La scienza conferma oggi ciò che da secoli si sapeva sui benefici spirituali della salvia sclarea.

Un recente studio condotto dal dipartimento di infermieristica di un’università coreana ha rilevato che la diffusione atmosferica di salvia sclarea e lavanda ha aiutato gli studenti di infermieristica a diminuire l’ansia e lo stress.

La conclusione dello studio: “L’inalazione di aromi potrebbe essere un metodo di gestione dello stress molto efficace”

Il rapporto prosegue affermando che “gli educatori infermieristici dovrebbero svolgere un ruolo importante nel contribuire alla salute fisica e psicologica degli studenti universitari, aiutandoli a migliorare il riconoscimento della gestione dello stress e ad alleviare efficacemente lo stress utilizzando gli oli essenziali”

Immaginate gli effetti positivi sull’intera società se fragranze che riducono lo stress come la salvia sclarea fossero utilizzate non solo in studi medici occasionali, ma in ogni scuola, casa di cura e ufficio.

Se siete tra le tante persone che si sentono sempre più sensibili e più facilmente sopraffatte da circostanze stressanti, spruzzate qualche goccia di olio di salvia nella vasca da bagno e sul cuscino prima di dormire; è un rinomato tonico che aumenta la forza fisica e psicologica.

Rilassando le tensioni e sostenendo la vitalità, aumenta la fiducia in se stessi, allevia la stanchezza, calma l’ansia e il panico e sconfigge la depressione. Aggiungerne una piccola quantità in un diffusore aiuta a calmare i bambini iperattivi.

Cosa c’è di più prezioso, in quest’epoca di disordini mentali, di un’essenza che produce un’euforica elevazione dello spirito e contemporaneamente porta un tranquillo equilibrio alle emozioni?

David Crow è il fondatore di Floracopeia Aromatic Treasures. L’olio protagonista di questo mese e molti altri oli essenziali di prima qualità, raccolti in modo naturale e responsabile, sono disponibili sul sito floracopeia.com

Risorse :

Nota: la salvia sclarea è un olio essenziale potente e talvolta viene utilizzato dalle ostetriche per aumentare le contrazioni durante il travaglio e per favorire il rilascio della placenta. Pertanto, in una gravidanza precoce, può provocare un travaglio prematuro.